Agnelli e pipistrelli

Nel firmamento di Linda si parla di agnelli pasquali: mi chiedo se davvero sia necessaria questa strage di cuccioli, consumata a ridosso della Pasqua. Si apre una discussione (con 45 commenti, finora) a cui partecipo: di seguito il botta e risposta con Linda, più che altro per mia memoria.
giannitos  Sarò sincero: a me la carne di agnello piace molto e la mangio anche fuori pasqua. Se mangiassi pecora o castrato sarebbe diverso ?
Poi capisco chi dice “non mangio gli animali che accarezzo”, ma mi pare una distinzione un po’ labile; mia figlia accarezza i serpenti e non li mangia, ma non perchè li accarezza.
Insomma rispetto le idee e i comportamenti di tutti: ma il limite fra gli animali adulti e i cuccioli qual’è ? A sei mesi si considera agnello o pecora ?
Alla fine capisco di più chi non mangia carne tout-court; anzi lo ritengo giusto,vorrei farlo anch’io, ma non ci riesco (mi contraddico, sì mi contraddico).
 Linda   Giannitos, ciascuno è libero di fare quel che vuole, ci mancherebbe altro. E non è peggiore di altri chi mangia carne o carne d’agnello. L’appello che io sostengo e condivido è contro la mattanza pasquale, l’uccisione di milioni di cuccioli per soddisfare la nostra bramosia di opulenza… Mangiare per sopravvivere è giusto, mangiare carne per alimentarsi è giusto, per chi vuole farlo, mangiare il più, soprattutto in certi periodi di abbondanza spaventosa, come il periodo pasquale, causando la morte di migliaia di cuccioli che vengono letteralmente strappati dal latte materno, è atroce… 2.000.000 di agnelli solo per soddisfare la nostra vanità sulle tavole già stracolme di cibo, mi sembra terribile. Un saluto. 🙂
 giannitos   Cara Linda, sarebbe come dire che la erodiana strage degli innocenti è da condannare, ma uccidere un bambino no. Scusa la crudezza dell’esempio, ma questa campagna pasquale mi pare un po’ forzata (stavo per usare un altro termine, che evito per il rispetto e l’ammirazione che ho per il tuo blog).
Linda   No, Giannitos, uccidere dei piccoli è sempre ignobile, ucciderli in modo intensivo mi sembra terribile. Credo che la vita possa essere rispettata un po’ di più, anche mangiando altro, in giorni di grande opulenza, ma non è mia abitudine cercare di convincere nessuno. Il mio era ed è solo un invito, per chi vuole accettarlo.

 

 

Ieri pomeriggio ho comprato una bat-box, la casetta per pipistrelli progettata da “La Specola” nell’ambito di un progetto per la diffusione di tali rifugi e per la raccolta di dati sperimentali  per una ricerca scientifica.
A noi piacciono i pipistrelli, ne avevamo una piccola colonia nel sottotetto che si  guadagnava l’ospitalità liberandoci dal grosso delle zanzare. Poi  sono spariti e ora cerchiamo di attirarli di nuovo con la bat-box.

La Marta e la Sara hanno fatto il cartello di benvenuto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in varie ed eventuali. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...