Vélo, mon amour

La bici è tecnicamente un veicolo, cioè un mezzo di trasporto. Però ci sono dei momenti in cui ti succede di sentirla come qualcosa di altro, un prolungamento del tuo corpo. Oggi è successo.

È difficile da spiegare, bisogna provarlo. Ci vuole un mezzo leggero e scorrevole, una bici da corsa sarebbe forse l’ideale. La mia amata Bianchi “Viale Abruzzi” è da città e da turismo, con caratteristiche sportive. Con lei mi capita talvolta di sentirmi una cosa sola, corpo-mente-ruote-pedali, nel vento. È una sensazione straordinaria, come se fra le tue gambe e la strada non ci fosse niente; soprattutto se da molto tempo non hai la possibilità di correre a perdifiato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in alla voce Cultura, biciclette, camminare stanca, Filosofia, varia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...