Rughe

La gioventù non è un periodo della vita: è uno stato d’animo. Gli anni possono far venire le rughe alla pelle, ma la rinuncia agli entusiasmi riempie di rughe l’anima. Essere giovani significa conservare a sessanta o settant’anni l’amore del meraviglioso, il desiderio per tutto ciò che è nuovo, il senso del lato piacevole e lieto dell’esistenza. Solo quando il pessimismo e il cinismo prevarranno, solo allora saremo vecchi.
(Anonimo pietrasantino)

Arrivato nei pressi del traguardo dei sessantasei anni ho cominciato a sentirmi piuttosto vecchio. Prima non era così: mi dichiaravo vecchio un po’ per vezzo, un po’ perché anziano mi pare un antipatico eufemismo; ma non mi sentivo vecchio per niente. 

Da giovane mi capitava spesso di trovarmi bene con persone più vecchie di me. Quando è nata la mia terza figlia avevo cinquant’anni e ho frequentato persone di trenta-quarant’anni sentendomi perfettamente a mio agio. Insomma è vero che l’età anagrafica conta fino ad un certo punto: che siamo giovani o vecchi soprattutto per il modo in cui prendiamo la vita. Che quindi si può perfino ringiovanire.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in varia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...