Marzo ‘78

Tre date: il 12 muore il nonno Viero, il 16 viene rapito Aldo Moro, il 30 nasce Fabio, il primo dei miei figli. In pochi giorni si concentrano vicende personali e pubbliche tragedie.

Dopo 40 anni le rievocazioni del caso Moro mi spingono a ripercorrere quegli anni della mia gioventù. Gli anni della politica, il gruppo del Manifesto: anni straordinari e terribili, dalla strage di piazza Fontana alla morte di Moro e oltre.

Sto rileggendo Brigate rosse. Una storia italiana: il racconto di Mario Moretti a Rossana Rossanda e Carla Mosca.

P.S. Ho visto Buongiorno, notte di Marco Bellocchio. Mentre lo guardo mi vengono in mente le parole di Moretti sulla possibilità di liberare Moro: se è vero quello che dice, mi vengono seri dubbi sulla linea della fermezza.

Questa voce è stata pubblicata in genitori&figli, in Italia e nel mondo, la memoria, segnalibri, varia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...