Acqua brillante

Ancor più della Perrier adoro l’Acqua brillante Recoaro, desueta e introvabile più del Chinotto. La migliore acqua tonica, per me, con quel nome originale e divertente.

In principio era la Schweppes.

Alla fine del ‘700 lo svizzero Johan Jacob Schweppe fu il primo produttore di acqua gassata (con l’aggiunta di anidride carbonica). Nel 1871 la Schweppes lanciò sul mercato l’acqua tonica, una bibita a base di acqua gassata, zucchero, acido citrico, aromi (fra cui il chinino, amarognolo). L’idea ebbe origine dall’uso degli inglesi in India di assumere il chinino (per la profilassi della malaria) con acqua, zucchero e altro (compreso il gin).

Nel 1954 arrivò la risposta italiana, da Recoaro Terme: l’ Acqua brillante Recoaro.

Lo stabilimento per l’imbottigliamento dell’acqua era nato nel 1927, col nome di Stabilimenti demaniali Recoaro S.p.A. Nel 1992 Recoaro entra a far parte del Gruppo Sanpellegrino, che alla fine degli anni 90′ sarà acquisito da Nestlé. Nel 1917 il marchio Recoaro e lo stabilimento vengono ceduti alla olandese Refresco, ma l’Acqua brillante e il Gingerino, le bibite storiche di Recoaro restano alla Sanpellegrino.

Questa voce è stata pubblicata in a tavola, alla voce Cultura. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...