Archivi categoria: cose dell’altro mondo

Inizia con te

Quid est ergo tempus? Si nemo ex me quaerat, scio; si quaerenti explicare velim, nescio (…)  Che cosa è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; ma se volessi spiegarlo a chi me lo chiede, non lo … Continua a leggere

Pubblicato in alla voce Cultura, cose dell'altro mondo, P come A, varia | Lascia un commento

Silence

L’ultimo film di Martin Scorsese è duro, difficile. Duro da guardare, fino dalle prime immagini: lo sradicamento del cristianesimo nel Giappone del XVII secolo è perseguito con raffinata crudeltà. Difficile in primo luogo perché ostico – mi sembra – per … Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cose dell'altro mondo, varia | Lascia un commento

Una giornata particolare 

Mi ha chiesto l’amicizia su Facebook; le chiedo se è proprio lei. La sventurata rispose. È il 25 dicembre del 2016 (sono passati circa dieci lustri).

Pubblicato in cose dell'altro mondo, la memoria, non è mai troppo tardi, varia | Lascia un commento

Quei mostri della jihad. O no ?

Ho visto Timbuktu, del regista A. Sissako, nato in Mauritania e vissuto in Mali, a Mosca e poi in Francia. È un bel film, premiato a Cannes e candidato all’Oscar per il miglior film straniero. Ma è anche un film … Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, alla voce Cultura, cose dell'altro mondo | Lascia un commento

Nostra sorella morte corporale (2)

Aveva appena compiuto 50 anni, se ne ė andata dopo aver lottato per sei anni contro la sua malattia. Non la conoscevo bene ma tutti dicono che era forte e allegra, aveva una gran voglia di vivere. Ci sono moltissime … Continua a leggere

Pubblicato in cose dell'altro mondo, Senza categoria, varie ed eventuali | 2 commenti

La canzone di Menuchim

Viveva nella terra di Us un uomo chiamato Giobbe, integro e retto, timorato di Dio e lontano dal male. Gli erano nati sette figli e tre figlie; possedeva settemila pecore e tremila cammelli, cinquecento paia di buoi e cinquecento asine, e una … Continua a leggere

Pubblicato in cose dell'altro mondo, scrittori negletti, segnalibri | 3 commenti

Uomini, profeti ed eremiti

Un bel regalo, nel giorno del mio compleanno, a Uomini e Profeti: “Una solitudine abitata; storie di eremiti”. Dice Frédéric Vermorel, dall’eremo di Sant’Ilarione: Noi siamo qui come ci stanno i fiori, non servono a niente, però senza i fiori che mondo … Continua a leggere

Pubblicato in cose dell'altro mondo | 1 commento