Archivi categoria: cose dell’altro mondo

Troppa grazia, Alba e Maria

“Sono apparso alla Madonna”, titolava la sua autobiografia quel geniaccio di Carmelo Bene. Qui la cosa è più convenzionale, è la “madre di Dio” (così si autodefinisce) che appare a Lucia-Alba. Dal trailer pensavo che il film di Gianni Zanasi … Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cose dell'altro mondo | Lascia un commento

Tempo di presepi

Non sopporto i presepi con ambientazione immaginaria, eppure per la maggior parte sono così. Edifici, oggetti, personaggi che con la Palestina dei tempi di Gesù non hanno niente a che fare. Ricordo che i nonni facevano un grande presepe piuttosto … Continua a leggere

Pubblicato in cose dell'altro mondo, la memoria, varia | Lascia un commento

Barbiana 

In tutti questi anni non sono mai stato nel luogo dove ha vissuto e insegnato (ed è sepolto) il priore di Barbiana, Lorenzo che ho sempre sentito vicino. Oggi ho visto Barbiana ‘65, un bel documentario con materiali d’epoca e … Continua a leggere

Pubblicato in cose dell'altro mondo, e la scuola ?, padri e fratelli | Lascia un commento

Inizia con te

Quid est ergo tempus? Si nemo ex me quaerat, scio; si quaerenti explicare velim, nescio (…)  Che cosa è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; ma se volessi spiegarlo a chi me lo chiede, non lo … Continua a leggere

Pubblicato in alla voce Cultura, cose dell'altro mondo, P come A, varia | Lascia un commento

Silence

L’ultimo film di Martin Scorsese è duro, difficile. Duro da guardare, fino dalle prime immagini: lo sradicamento del cristianesimo nel Giappone del XVII secolo è perseguito con raffinata crudeltà. Difficile in primo luogo perché ostico – mi sembra – per … Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, cose dell'altro mondo, varia | Lascia un commento

Una giornata particolare 

Mi ha chiesto l’amicizia su Facebook; le chiedo se è proprio lei. La sventurata rispose. È il 25 dicembre del 2016 (sono passati circa dieci lustri).

Pubblicato in cose dell'altro mondo, la memoria, non è mai troppo tardi, varia | Lascia un commento

Quei mostri della jihad. O no ?

Ho visto Timbuktu, del regista A. Sissako, nato in Mauritania e vissuto in Mali, a Mosca e poi in Francia. È un bel film, premiato a Cannes e candidato all’Oscar per il miglior film straniero. Ma è anche un film … Continua a leggere

Pubblicato in al cinema, alla voce Cultura, cose dell'altro mondo | Lascia un commento