Archivi categoria: la Sicilia

‘U sfinciuni

Dello sfincione palermitano ho sentito parlare qualche anno fa da Vincenzo, pizzaiolo siciliano: lui a Firenze lo fa in versione bassa, alto un dito, perché il gusto degli indigeni – secondo lui – non si adatterebbe ad uno spessore che … Continua a leggere

Pubblicato in a tavola, alla voce Cultura, la Sicilia | Lascia un commento

Latino sì latino no 

Ieri “cena degli avanzi” nel senso del cibo e anche di noi, avanzi di liceo (la Manu, Paolino detto l’oracolo, il dotto Sergio e io; c’era anche la Simona, che per sua fortuna non appartiene alla categoria).  Per la cena … Continua a leggere

Pubblicato in a tavola, alla voce Cultura, e la scuola ?, fissazioni&idiosincrasie, la Sicilia, lo studio, parole parole parole, segnalibri, varia | Lascia un commento

Le arancine di Martino

La ricetta delle arancine Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Perché no ? si chiede Martino Ragusa, uno dei miei numi tutelari in cucina. Io non le ho mai cucinate, se la memoria non mi inganna: quindi questo è un post tutto teorico; … Continua a leggere

Pubblicato in a tavola, alla voce Cultura, la Sicilia, padri e fratelli, sì viaggiare | Lascia un commento

Mazara del Vallo

Ho deciso di dividere i miei giorni in Sicilia fra Palermo (perché non c’ero mai stato) e Mazara (senza una ragione precisa, per istinto). Sono luoghi molto diversi e entrambi molto belli. In comune hanno lo straordinario intreccio di storia … Continua a leggere

Pubblicato in A come Arte, a tavola, alla voce Cultura, camminare stanca, la Sicilia, sì viaggiare | Lascia un commento

Cronache palermitane. Terzo giorno

Del terzo giorno mi è rimasto nel cuore San Giovanni degli Eremiti, a un tiro di schioppo da Palazzo dei Normanni. Ieri l’abbiamo trovato chiuso e così ci siamo tornati apposta: ne valeva la pena. “I Normanni che instaurarono la … Continua a leggere

Pubblicato in A come Arte, a tavola, alla voce Cultura, camminare stanca, la Sicilia, sì viaggiare | Lascia un commento

Cronache palermitane. Giorno due

Palermo ha l’aspetto di una capitale, anche se lo è stata per brevi periodi della sua storia. Questa è la prima impressione. Cammino per il Cassaro, percorro via Maqueda, guardo il Palazzo dei Normanni, i cento palazzi spesso fatiscenti, la … Continua a leggere

Pubblicato in A come Arte, a tavola, alla voce Cultura, camminare stanca, la Sicilia, sì viaggiare | 1 commento

La Vucciria prima e dopo

«Bruciare gli archivi della Santa Inquisizione! Bruciare così tre secoli, come niente; tre secoli che ci vuol altro che una fiammata per cancellarli; un patrimonio, una ricchezza che apparteneva a tutti: e a noi, alla nostra classe, in particolare…». «Deus, … Continua a leggere

Pubblicato in A come Arte, a tavola, alla voce Cultura, camminare stanca, la Sicilia, sì viaggiare | Lascia un commento