Archivi categoria: parole parole parole

Chi paga ?

Nella puntata odierna del programma La lingua batte di Radio3 (rubrica Accademia di arte grammatica) l’esperta spiega la differenza fra andare in pensione e andare a pensione. Già che c’era poteva dire qualcosa sulle due accezioni della parola: nel primo … Continua a leggere

Pubblicato in alla voce Cultura, parole parole parole, segnalibri, varia, varie ed eventuali | Lascia un commento

La grammatica è stata fatta per l’uomo, non l’uomo per la grammatica

Vado in un agriturismo vicino a Caserta, domani. Non mi piace vicino Roma, vicino Lugano e perciò non lo uso; ma si può dire che è un errore grammaticale ? Qualche settimana fa, a La lingua batte su Radio3, un’esperta lo condannava senza … Continua a leggere

Pubblicato in alla voce Cultura, parole parole parole | Lascia un commento

Latino sì latino no 

Ieri “cena degli avanzi” nel senso del cibo e anche di noi, avanzi di liceo (la Manu, Paolino detto l’oracolo, il dotto Sergio e io; c’era anche la Simona, che per sua fortuna non appartiene alla categoria).  Per la cena … Continua a leggere

Pubblicato in a tavola, alla voce Cultura, e la scuola ?, fissazioni&idiosincrasie, la Sicilia, lo studio, parole parole parole, segnalibri, varia | Lascia un commento

Lo zibaldino

Essendo ormai pressoché tramontata l’idea di un libriccino che raccolga i meglio post sul cibo, formulo l’ipotesi di uno Zibaldino: un libretto che contenga i meglio post di ogni argomento dal 2003 ad oggi. Che sarebbe anche un modo per ripercorrere questi … Continua a leggere

Pubblicato in di blog, la memoria, parole parole parole, varia | Lascia un commento

Estate

   Davanti alla casa c’è questa bella vigna, adagiata sul fianco della collina, e l’uva appare quasi matura. All’altra estremità biancheggia la vecchia villa, abitata dai discendenti dei signori del luogo; una famiglia che pare destinata ad estinguersi. Lungo la … Continua a leggere

Pubblicato in Fotografia, parole parole parole, varie ed eventuali | Lascia un commento

Giocatori e no 

    Stasera i giocatori sono solo due. Ci sono diversi spettatori, insolitamente attenti e silenziosi. In genere sono giocatori che aspettano con pazienza il proprio turno, qui il tempo non manca. Mi sovviene V. che passava ore a guardare gli altri … Continua a leggere

Pubblicato in la memoria, padri e fratelli, parole parole parole | Lascia un commento

Dialogo di un ciclista illuminato e un ciclope.

Ciclope: “Per qual motivo te ne vai in giro con tutte quelle strane diavolerie che producono luce ovvero la riflettono ? Ciclista: “Per essere ben visibile nell’oscurità della sera” Ciclope: “E perché mai ambisci a cotanta visibilità ?” Ciclista: “Desidero … Continua a leggere

Pubblicato in biciclette, la fantasia e non solo, parole parole parole | Lascia un commento